Convegno

I fondi di investimento immobiliare: strumenti per promuovere interventi di Social Housing e per la valorizzazione del patrimonio pubblico

  • Matteo Bicocchi
  • 11 Gen 2017
  •   Commenti disabilitati su I fondi di investimento immobiliare: strumenti per promuovere interventi di Social Housing e per la valorizzazione del patrimonio pubblico


  • 22 marzo 2013
    9:15 - 16:20

La prima disciplina “speciale” sui fondi di investimento immobiliare è quella contenuta nell’art. 14-bis, legge n. 86/1994, che prevede che le relative quote siano sottoscritte, mediante il conferimento di beni immobili e/o di diritti reali immobiliari, in misura maggioritaria da parte di enti pubblici o altri soggetti ai medesimi equiparati. Tuttavia, soprattutto negli ultimi anni, si sono susseguiti interventi normativi che, in modo piuttosto caotico, hanno introdotto nell’ordinamento regole di carattere speciale rivolte ad incentivare la creazione di fondi immobiliari, ad iniziativa talvolta statale, talaltra di enti locali. Il legislatore ha inteso soprattutto promuovere la costituzione di fondi immobiliari per il social housing e di fondi immobiliari per la valorizzazione del patrimonio pubblico, mediante la realizzazione di un sistema integrato di fondi, consistente nella creazione di uno o più fondi statali aventi lo scopo di supportare la costituzione di fondi locali partecipati da soggetti pubblici e privati. Il fondo immobiliare è uno strumento annoverabile tra quelli di partenariato pubblico-privato, dal momento che consente di costituire un patrimonio con mezzi economici sia pubblici che privati, di gestirlo secondo criteri economici, al fine però di soddisfare esigenze primarie abitative dei cittadini ovvero al fine di riqualificare il tessuto urbano, economico e sociale di parti del territorio comunale. A livello statale, la creazione di detto sistema integrato di fondi è stata promossa dal Governo mediante il coinvolgimento di CDP Spa. In particolare, su iniziativa di CDP Investimenti Sgr Spa è stato costituito il “Fondo Investimenti per l’abitare”. Detto fondo statale, soprattutto dopo che il d.P.C.M. del 10 luglio 2012 – soltanto di recente pubblicato in Gazzetta ufficiale – ha rimosso il limite del 40% all’acquisizione da parte del medesimo di partecipazioni nei fondi locali, è destinato a svolgere un ruolo ancor più incisivo nella creazione di una “rete” di fondi locali. In ambito locale sono soprattutto i Comuni ad intravedere sempre più nel fondo immobiliare uno strumento per realizzare, per un verso, interventi edilizi volti a ridurre il disagio abitativo mediante un’offerta di alloggi adeguati a quelle persone che non sono in grado di soddisfare i propri bisogni a prezzi di mercato (che sono sempre più numerose in tempi di crisi economica), per l’altro, operazioni di riqualificazione urbana e di valorizzazione del patrimonio pubblico. Il Convegno si propone di approfondire, in una prospettiva interdisciplinare, i diversi aspetti che si sono indicati, mediante il confronto tra studiosi di diversi settori del diritto, nonché l’apporto qualificato di rappresentanti delle istituzioni, di professionisti, di operatori economici, che, a vario titolo, sono coinvolti nella creazione e nella gestione di fondi immobiliari a partecipazione pubblica.

Luogo

Palazzo Incontri

via dei Pucci 1

50122 Firenze

Video

I fondi di investimento immobiliare

Documenti associati (1)

Design and Development by Open Lab